LA SCELTA DEL LAVELLO

LA SCELTA DEL LAVELLO

Il lavello, insieme al piano cottura, sono i due elementi caratterizzanti del top cucina; possono essere scelti per spiccare sul piano cucina oppure per mimetizzarsi e andare quasi a sparire. Il lavello è un elemento funzionale ma anche estetico, alcuni preferiscono i doppia vasca, altri vasca con sgocciolatoio, altri ancora una vasca singola con varie possibilità sulla dimensione.

Sono tante le tipologie di materiali per il lavello: il classico acciaio, i sintetici composti da quarzo e resina, quelli integrati che possono essere in Quarzo, Dekton o HPL. Per quanto riguarda il lavello in acciaio le scelte tra tipologie, qualità e design sono vastissime, dalle vasche più stondate a quelle più squadrate, più o meno profonde, ci sono vari tipi di acciaio più o meno satinati e con spessori più o meno rilevanti. Un lavello Franke, per esempio, con 10/10 di spessore e un acciaio particolarmente satinato, è sempre un ottimo investimento, un lavello di qualità, duraturo e sempre piacevole da vedere.

Il lavelli in materiale composito (Fragranite e similari) sono più versatili grazie al colore a scelta che può essere abbinato al piano cucina o in contrasto, sono pratici da tenere puliti e hanno una lunga durata; sono dedicati a chi non ama l’acciaio per motivi di pulizia.

I lavelli in acciaio e quelli in materiale composito sono disponibili i tre tipologie differenti di incasso, quello sopra top, quello filo top e quello sotto top, ognuno pratico ed estetico a modo suo.

I lavelli integrati in Quarzo, Dekton e HPL sono quelli di più recente concezione e utilizzo, riprendono materiale e finitura del top,due blocchi distinti che tramite vari processi vengono fusi in un corpo unico.

La soluzione del lavello integrato è quella più moderna, di design, e se vogliamo la più pratica; abbiamo materiali sempre resistenti a calore e graffi, non assorbenti e non abbiamo nessun tipo di giunzione.

Spesso e volentieri per gusti e abitudini si opta per un determinato materiale, ma valutando le opzioni e scoprendo caratteristiche differenti si opta per un altro; si cambia per esigenze estetiche, per esigenze funzionali o semplicemente per cambiare.

Presso in nostri punti vendita potete scoprire tutte le alternative per il vostro prossimo lavello, scoprire forme, colori, materiali e finiture. Il nostro personale qualificato vi guiderà e consiglierà nella scelta del lavello giusto per voi, presentandovi alternative, caratteristiche e offerte disponibili.

LIVING: progettazione e decorazione

LIVING: progettazione e decorazione

Il living rappresenta il cuore della casa, anzi, ne è l’immagine. È l’ambiente in cui si trascorre più tempo, in cui ci si riunisce con amici e parenti, dove ci si apparta per momenti di relax di fronte alla TV o con un buon libro. Eppure, anche se si da per scontato quali sono gli arredi da inserire, realizzare la stanza che si ha in mente non è affatto facile, ma soprattutto sarà necessario stare attenti agli abbinamenti se si vorrà conferire all’ambiente uno stile preciso. Quella che segue vuole essere è una piccola suddivisione di stili d’arredo più cool del momento, che vi accompagnerà passo passo alla realizzazione del living dei vostri desideri.

Living industrial

Lo stile industriale in un living è una scelta molto interessante e, se si vive già in un loft o in una fabbrica riconvertita ad uso abitativo, non sarà difficile ottenerlo. Se non avete a disposizione un loft non temete: con qualche piccolo accorgimento si può cercare di introdurre questo stile in casa. Le nostre idee di arredo per un living così? Pensiamo ad esempio alle lampade a sospensione, ma anche a mobili quali tavoli in legno, grandi e comodi divani in grigio e qualche decorazione o arredo in ferro, come gli scaffali e a tutti quegli elementi per contenere utensili e attrezzi di lavori utilizzati in officine e laboratori di inizio secolo. Per interpretare lo stile Industrial, il legno assume un’identità diversa da quella impiegata per i mobili più contemporanei, e si trasforma adottando un aspetto “usato”, invecchiato e ruvido. lo stile Industrial si avvale quindi di qualità lignee come il noce, il rovere, l’abete, preferibilmente nella versione massiccia, a tutto spessore, che realizzano ante con doghe a vista e telai di forte spessore Lo stile industriale non nasconde, mostra. Travi, tubi, mattoni, e chi più ne ha più ne metta. Anche i mobili fuggono dalla perfezione dei mobili di serie e lasciano volutamente in evidenza le saldature e le imperfezioni della verniciatura. Se pensate che questo arredamento sia troppo freddo, si possono aggiungere tappeti, cuscini o tende per un’atmosfera più accogliente.

Living coloniale

Per arredare un living in stile coloniale è bene utilizzare tessuti morbidi, colori crema e mobili classici per creare un ambiente genuino e accogliente. L’elemento più importante di questo stile d’arredo è senza dubbio il legno: che sia un tavolino, un armadio a muro, una credenza, cassettiera, o un mobile buffet. Anche le sedie hanno caratteri distintivi e quelle tipiche presentano schienali alti caratterizzati da listelli verticali. Il legno è il materiale principe per i mobili del living con questo stile. Come dovrebbe essere? Di legni duri come il noce, il ciliegio e il mogano, ma anche dipinti di bianco, poco trattato, in modo da lasciar trapelare più di qualche imperfezione.Alla predominanza del legno va associata una enorme importanza data alla tappezzeria, ai tessuti, ai tendaggi e ai rivestimenti dei divani, ma anche all’illuminazione artificiale, preferendo lampadari di grosse dimensioni, in vetro e metallo.

Living mediterraneo

Quando si pensa ad un living in stile mediterraneo viene inevitabilmente in mente il sud Europa e il nord Africa, terre magiche piene di sole e natura. Che sia uno stile italiano, spagnolo-arabo o greco, è importante che il salotto sia luminoso, in bianco o con le tonalità del cotto. Uno dei punti chiave dello stile mediterraneo è arredare senza appesantire. I mobili ed i complementi d’arredo devono poter trovare spazio senza riempire eccessivamente i locali. Dunque spazio ad arredi minimal, esaltati dai colori tipici marini come il blu e il bianco Oggetti di decoro come vasi in terracotta, specchi e oggetti decorati con conchiglie saranno il tocco finale in spirito mediterraneo al soggiorno. I tessuti freschi la fanno da padrone, ma anche i materiali semplici e puri, soprattutto il legno e il ferro battuto. Gli arredi del living possono distinguersi per la loro linea essenziale e grezza, ma anche per decorazioni artigianali, come intarsi a mano nel legno. Oggetti di decoro come vasi in terracotta e specchi decorati con conchiglie saranno il tocco finale in spirito mediterraneo al living.

Living scandinavo

Il living in stile scandinavo ha raggiunto l’apice del successo in questi anni. Questo arredamento si basa sull’equilibrio delle cromie e degli arredi: si preferiscono colori naturali e forme geometriche semplici. L’armonia tra i mobili nel living è fondamentale, ma è importante anche non creare un ambiente troppo noioso, quindi trame floreali, ispirate alla natura: foglie, fiori, animali e tocchi di colore pastello sono ben accetti. In particolare i colori pastello, nelle tonalità chiare e fredde, come l’azzurro cielo, verde acqua, verde salvia, menta, rosa, vengono utilizzati principalmente per tessuti, sedute, tappeti e decorazioni. I colori migliori? Restano sempre il bianco e il legno. Oltre ai legni chiari, come il rovere e rovere sbiancato, vengono utilizzati anche l’abete rosso, il pino, il larice, il frassino, la quercia e la betulla lasciati al naturale, per conservarne tutti i difetti e le particolarità.Ed infine il nero, in tutte le sue gradazioni, viene utilizzato accostato al bianco per creare un contrasto che contraddistingue tutto l’arredamento scandinavo.

SEDIE E SGABELLI

SEDIE E SGABELLI

SEDIE E SGABELLI – Leggi i consigli dei nostri esperti e fai la scelta giusta!

Oltre a essere comode, le sedie e gli sgabelli devono essere curate esteticamente. Il nostro assortimento di aziende e linee differenti permette di trovare sedie e sgabelli dal comfort ottimale e sono in tantissimi stili differenti. Progettati per abbinarsi ai vari tipi di ambiente ti permettono di creare stili perfettamente coordinati.

Tra le sedie più utilizzate al momento ci sono quelle monoblocco; si tratta di sedie ottenute riempiendo uno stampo di polipropilene, permettendo di realizzare un prodotto resistente ma leggero, che unisce comfort e sostenibilità.

Le sedie pieghevoli sono ideali per le grandi occasioni. Possono essere appese alla parete per occupare meno spazio quando non le utilizzi oppure essere riposte nel loro pratico carrello per essere facilmente spostate anche tutte insieme.

Le sedie imbottite per la sala da pranzo o per il salotto offrono maggiore comfort, una dote fondamentale per trascorrere del tempo a tavola in compagnia senza temere nulla per quanto riguarda le macchie con fodere lavabili, o in pelle o eco pelle che si puliscono rapidamente con un semplice panno umido.

Per una scelta ottimale della sedia e dello sgabello bisogna fare i conti con gli spazi, con il tipo di utilizzo e il tempo di utilizzo.

Gli sgabelli ideali per tempi prolungati per esempio sono quelli fissi, senza pistone, che garantiscono maggiore stabilità; inoltre uno sgabello comodo per un utilizzo prolungato dovrebbe avere uno schienale adeguatamente alto.

Chiaramente un fattore importante per un maggiore comfort è la presenza o meno dell’imbottitura sia per le sedie che per gli sgabelli, fattore che però può condizionare se nell’abitazione ci sono animali domestici come cani e gatti che con le unghie potrebbero rovinare il rivestimento.

Le sedie trasparenti sono da preferire per utilizzi brevi o per tavoli da salotto, utilizzati di rado, magari in presenza di ospiti essendo maggiormente soggette a formazione di graffi. Una sedia o uno sgabello da utilizzare quotidianamente devono necessariamente essere più comodi e più resistenti.

Disponibili nelle più svariate forme, abbinamenti cromatici e materici possono essere utilizzate per ambienti differenti o per open space, dove magari oltre alla praticità è richiesta anche l’estetica.

Presso i nostri punti vendita potrete scoprire una selezione di sedute dai colori, materiali e forme diverse, potrete provare quelle più adatte alle vostre esigenze ed eventualmente abbinale alla nostra selezione di tavoli.

MAYA

MAYA

STOSA Maya, modern style – Per la vostra prossima cucina cercate una cucina moderna, altamente personalizzabile e che rispecchi la vostra personalità e il vostro stile di vita? Venite a scoprire presso i nostri punti vendita la nuova cucina Maya Restyle di STOSA, la cucina che vi offre moltissime possibilità di scelta, sorprendenti finiture da abbinare per ottenere la massima personalizzazione.

Maya è una cucina moderna ed elegante, con un design pratico e funzionale, capace di conquistare al primo sguardo. Il modello integra molti sistemi d’apertura, dalla maniglia al sistema a gola e permette infinite combinazioni tra tutte le finiture possibili che vanno dalle colorazioni opache standard del Supermatt alle colorazioni opache speciali del Supermatt Lux fino alle svariate essenze legno. Unisce linee forti alle forme pure e minimali. Punta contemporaneamente all’essenzialità e alla raffinatezza, uno stile che mette d’accordo tutti gli amanti del design.

Si rinnova con nuovi colori e finiture, inediti abbinamenti che creano molteplici stili. Integra il sistema “Wood”, ultima novità di Stosa costituita da elementi trasversali che riportano la naturalezza del legno appena tagliato e che si fondono perfettamente con lo stile moderno. Legni, tonalità decise e tinte neutre, geometrie e forme morbide che consentono di personalizzare la cucina e renderla unica.

La sorprendente componibilità di Stosa vi permetterà di sfruttare al meglio ogni centimetro della vostra cucina e vi consente inoltre di completare il tutto con un living assolutamente coordinato che creerà un continuità stilistica all’interno di un open space Personalizzatela poi con il top cucina che preferite a disposizione nella nostra ampissima gamma e aggiungete un tocco di design e di funzionalità scegliendo tra gli innumerevoli elettrodomestici in promozione.

Non perdete tutte le offerte a voi dedicate, recatevi presso i nostri punti vendita e lasciatevi consigliare dai nostri esperti che vi guideranno nelle scelte e nella progettazione della vostra prossima cucina Maya.

La cappa

La cappa

In tutte le cucine uno degli elettrodomestici fondamentali è la cappa. Non tutti la tengono in particolare considerazione ma è importantissima. Filtra o aspira gli odori, aiuta a disperdere i vapori migliorando notevolmente l’abitabilità di un ambiente cucina o di un eventuale open space.

Hanno costi molto variabili in relazione all’estetica, alla potenza e al posizionamento. Solitamente tra le più costose si trovano le cappe da piano e quelle da isola che solitamente oltre ad annoverare estetiche particolari hanno anche ottime capacità aspiranti e contemporaneamente particolare silenziosità.

Anche le cappe a parte hanno una forbice abbastanza ampia di prezzo dipendente come già detto da fattori estetici e capacità aspiranti. Tra le cappe più diffuse troviamo quelle “a T rovesciata” in acciaio con cappello sempre in acciaio o cristallo.

Ci sono poi quelle più particolari totalmente in cristallo in varie colorazioni che sembrano più televisioni e in alcuni casi opere d’arte. Ci sono poi le cappe in finta muratura con frontali in legno, talvolta nicchie e cornici che sono dedicate generalmente alle cucine classiche.

Per chi invece ama una cucina più lineare e nel contempo desidera avere più capienza si opta per le cappe integrate all’interno dei pensili. Si tratta di una soluzione che solitamente mette d’accordo un po’ tutti, con aspirazioni buone (chiedete sempre le caratteristiche, non tutte funzionano adeguatamente), un pensile sfruttabile e un’estetica “a scomparsa”. In Italia abbiamo tra i migliori produttori di cappe, tra aziende come Elica, Faber o Falmec. Un aspetto da tenere in considerazione è la potenza della cappa in base al volume dell’ambiente in cui viene posizionata.

Chiaramente è sempre meglio mettere cappe con buone aspirazioni anche in ambienti piccoli, ma è assolutamente sconsigliabile inserire cappe con scarsa aspirazione in ambienti troppo grandi poiché risulterebbero inadeguate e poco efficaci. Altro aspetto da tenere in considerazione è l’utilizzo della cappa in modalità filtrante o aspirante. La cappa, in modalità filtrante, avrà sempre un aspirazione un po’ ridotta e necessita del cambio periodico dei filtri, ma è utile in ambienti dove non è possibile canalizzare.

Nel caso in cui ci sia la possibilità di canalizzare per uno sfogo verso l’esterno si avrà sicuramente una cappa più efficiente, con una maggiore aspirazione e una dispersione migliore di vapori e odori.

In ogni caso, per la scelta della cappa, fatevi sempre consigliare da personale esperto; nei nostri punti vendita vi guideremo nella scelta della vostra prossima cappa in base ai vostri gusti, in base allo stile della cucina e alle dimensioni dell’ambiente.

Non dimenticate poi che per tutti i suoi cliente Stosa ha riservato interessanti promozioni su una vasta gamma di cappe.